La Juventus sarà sempre l’alibi dei perdenti

E’ sempre cosi, nello sport come nella vita, quando qualcuno è più bravo di te, più forte e determinato di te, più organizzato di te, l’essere umano tende a non accettarlo, a trovare motivazioni (talvolta cosi stupide) per denigrare il successo dell’ “avversario”. Sentimenti come invidia, gelosia, odio, non sono nient’altro che fenomeni di insicurezza verso il confronto con l’altro. Tralasciando la vita in generale (non è questa la sede per parlarne), la Juventus è il classico avversario da guardare con gli occhi verso l’alto. Sembra inarrivabile, nonostante i tuoi sforzi, lei è sempre lì, più avanti di te, tu fai due passi avanti, li fa anche lei, non ti resta altro quindi, che denigrarla e creare quei sentimenti di odio tipici dei tifosi anti juventini. Questo è ciò che avviene da quando è stato creato il calcio in Italia o più precisamente da quando è nata la Juventus (1897!). E’ un disco sentito e risentito. Cari tifosi Juventini, pensate solo ad amare la Juve e non crucciatevi degli altri, per loro “la Juve sarà sempre l’alibi dei perdenti”!

Blog - Diario di Borbo, Juventus

Informazioni su Furiadicheb

Nato nel 1985 in una italia ancora lontana dalla crisi del 2000, vissuto, per fortuna, lontano da tutte le tecnologie per 15 anni, purtroppo poi hanno invaso anche me e la mia vita. Ora mi ritrovo in questo sistema, marcio, obsoleto, da cui è impossibile liberarsi, quindi cerco di parteciparvi al meglio. Juventino di fede. Nessuna fede politica e religiosa. Ancora alla ricerca di me stesso, chissà se mai lo troverò. Ho valori importanti che non mi servono a nulla. Lavoro ma giusto per guadagnare qualcosa. Credo nell'amore, quello vero, sincero, appassionato, antico, non quello di oggi. Solo l'amore può salvarci. Nient'altro. Adoro gli animali, sono migliori di noi. Meriterebbero di stare da soli e in santa pace su questa pianeta, senza la presenza del virus umanoide che lo sta distruggendo.

Precedente Il Crotone non ha potuto nulla, il Cagliari resisterà di più. Successivo Il percorso è ancora lungo