Il rinnovo di Dybala è davvero in bilico o sono tutte fandonie?

“E siamo ancora qua….e già….” diceva il buon Vasco. Ed è subito polemica creata sul rinnovo di Dybala alla Juventus. Che bello, il tutto era prevedibile come pasqua di domenica. Questione nata o creata, dalla Gazzetta e presa da un articolo di El Mundo Deportivo (altro quotidiano di gossip sportivo spagnolo al pari della rosa italiana). Ovviamente non mancano le reazioni dei social. Tifosi che iniziano a tremare pensando che il “povero” Paulo possa lasciare la Juve per il Real, pare infatti che Marotta e compagnia non vogliano accettare la richiesta del suo procuratore: rinnovo (?!) a 7,5 milioni a stagione al pari di Higuain. A me, francamente, già questa storia del rinnovo dopo anno un di contratto, mi fa venire il volta stomaco. Paulo sarà anche l’erede di Messi (da come dicono, mah) intanto a 23 anni non ha dimostrato certo di essere sulla strada per raggiungerlo! Stiamo parlando di un ragazzo che percepisce circa 3 milioni a stagione con un contratto firmato nel 2015. Non sono passati nemmeno due anni che già, preso anch’egli dalla malattia dei soldi, chiede un ritocco di ingaggio. Marotta gli propone un rinnovo a 5.5 milioni di euro (roba già di per sè assurda secondo me dopo appena un anno di contratto) ma a quanto sembra lui ha rifiutato. Ah che pena questi giocatori. Sarà vero secondo voi l’articolo della Gazzetta dunque? A mio avviso non si può far altro che aspettare e fidarsi delle parole di Marotta “Per Dybala rinnoveremo, è solo questione di tempo”.

Ps. #IONONLEGGOLAGAZZETTA ricordiamolo sempre. Nemmeno un cent per questo quotidiano di cronaca rosa.

Juventus , , ,

Informazioni su Furiadicheb

Nato nel 1985 in una italia ancora lontana dalla crisi del 2000, vissuto, per fortuna, lontano da tutte le tecnologie per 15 anni, purtroppo poi hanno invaso anche me e la mia vita. Ora mi ritrovo in questo sistema, marcio, obsoleto, da cui è impossibile liberarsi, quindi cerco di parteciparvi al meglio. Juventino di fede. Nessuna fede politica e religiosa. Ancora alla ricerca di me stesso, chissà se mai lo troverò. Ho valori importanti che non mi servono a nulla. Lavoro ma giusto per guadagnare qualcosa. Credo nell'amore, quello vero, sincero, appassionato, antico, non quello di oggi. Solo l'amore può salvarci. Nient'altro. Adoro gli animali, sono migliori di noi. Meriterebbero di stare da soli e in santa pace su questa pianeta, senza la presenza del virus umanoide che lo sta distruggendo.

Precedente L'ultimo post del 2016 lo dedico al ricciolone belga Successivo L'Inter di Helenio Herrera e il doping - di Ferruccio Mazzola.