Col Sassuolo teniamo anche nel secondo tempo, ma il terzo gol non è peccato! Paulo cosi non si fa!

Aspettando la gara contro l’Inter (ci vuole tutta l’anima possibile!) il Sassuolo viene archiviato e finalmente in trasferta la Juve gira per tutta la gara (oh!). La Roma sorprende perdendo contro la Sampdoria a Genova e finalmente dopo tante giornate torniamo ad allungare. Riproponiamo ancora il 4-2-3-1 e subito in venti minuti la pratica viene semi chiusa, perchè durante tutta la gara pur rischiando poco, non riusciamo a chiuderla del tutto andando sul terzo gol. E’ chiaro che all’80esimo gli esterni Cuadrado e Mario Manduzkic sono calati vistosamente, ma è normale. Purtroppo i cambi stavolta non hanno portato quel plus che ci si aspettava, Rincon e Pjaca sono entrati abbastanza molli ma ormai la gara era andante nel finale. Anche il Sassuolo era stanco. Ora bisogna ripartire cosi. Domenica prossima allo Stadium arriverà l’Inter e sarà forse la partita più difficile del periodo di Febbraio in serie A. I nerazzurri giocano bene e demoliscono gli avversari più deboli. C’è bisogno di tanta anima e voglia di vincere magari con l’aiuto dell’atmosfera dello Stadium, non dimenticando la sconfitta amare a San Siro con una brutta Juventus contro un’Inter che non ha ancora capito come fece ad uscire vittoriosa da quella partita. Ma questa è altra Inter, minacciosa, pericolosa, malvagia. Furba. C’è da combattere. Tornando alla Juventus la ottima prova in trasferta non mi fa dimenticare un piccolo fatto successo nel secondo tempo: Dybala esce dal campo sostituito e non rende la mano ad Allegri pronto a congratularsi con lui. Questi atteggiamenti non mi sono mai piaciuti. Bisogna avere sempre rispetto per tutti i compagni che entrano ed accettare le scelte dell’allenatore. Paulo dovrebbe pensare a fare meno rumore fuori dal campo e più terrore nelle difese avversarie.

Juventus, Serie A , ,

Informazioni su Furiadicheb

Nato nel 1985 in una italia ancora lontana dalla crisi del 2000, vissuto, per fortuna, lontano da tutte le tecnologie per 15 anni, purtroppo poi hanno invaso anche me e la mia vita. Ora mi ritrovo in questo sistema, marcio, obsoleto, da cui è impossibile liberarsi, quindi cerco di parteciparvi al meglio. Juventino di fede. Nessuna fede politica e religiosa. Ancora alla ricerca di me stesso, chissà se mai lo troverò. Ho valori importanti che non mi servono a nulla. Lavoro ma giusto per guadagnare qualcosa. Credo nell'amore, quello vero, sincero, appassionato, antico, non quello di oggi. Solo l'amore può salvarci. Nient'altro. Adoro gli animali, sono migliori di noi. Meriterebbero di stare da soli e in santa pace su questa pianeta, senza la presenza del virus umanoide che lo sta distruggendo.

Precedente Il Sassuolo, il vero banco di prova per il mal di trasferta? Successivo Contro l'Inter servirà una Juventus agguerrita e affamata!