Higuain il Pipita. Quanto tempo lo abbiamo atteso in Champions League, ci ha messo un bel pò a svegliarsi dal torpore ma poi ha dimostrato di esserci ed ha scelto una semifinale in trasferta! Niente male come decisione non trovate? Ieri il Pipita ha toccato due e dico due palloni in area di rigore: DUE GOL. Letale. Come mai è stato in Champions. Pensate che in 6 semifinali giocate, Higuain non aveva mai segnato. Ha scelto ieri di farlo, e deve ringraziare un giocatore che io ho troppo snobbato nel corso della stagione ovvero Dani Alves, un giocatore che ora sembra essere tornato quello di Barcellona, aggressivo, magico nei suoi tocchi, un assist di tacco e un cross al velluto che hanno consegnato alla Juve e ad Higuain la vittoria in trasferta contro il Monaco. Sognando Cardiff, ci sarà ancora un ritorno in casa da giocare adesso e nel mezzo un derby di Torino allo Stadium sempre difficile, la truppa granata quando vede la Juve giustamente si sveglia e non si dimostrerà di essere la solita svogliata squadra che ha affrontato questo campionato tra alti e bassi e disattenzioni. Sarà concentrata e affamata di fare punti in casa della Juventus per riscattare la propria anonima stagione. Ad oggi non sappiamo se Allegri farà turnover, ma conto che cambi almeno metà degli interpreti che hanno giocato a Montecarlo. Far riposare soprattutto Mandzukic che ormai se le sta giocando tutte, magari proponendo Alex Sandro al suo posto e Asamoah al posto del brasiliano. Schiererei anche la carta Rincon al fianco di Marchisio facendo riposare Pjanic che contro il Monaco è sembrato il meno in forma con molti errori soprattutto in uscita che potevano costare carissimo. Chiellini penso sarà risparmiato confermando Benatia e Lichsteiner prenderà il posto di Barzagli che non può reggere cosi tante partite ravvicinate. Spazio a Cuadrado assente dal primo minuto a Montecarlo (decisione vincente a fin dei conti). L’obbiettivo è chiudere il campionato prima possibile. Niente speranze per nessuno.